Newsletter

Name:
Email:

INTERROGATIVO IN CORSO…

Da cosa nasce la mania che mi è presa quest’anno… dalla voglia che ho di condividere con voi la mia musica! E così mi sono inventata l’uscita di quattro nuovi singoli per le quattro stagioni, che tracciano la via ad un nuovo album Piano Solo previsto per il prossimo equinozio di primavera.

Lo scorso 21 marzo, Rendezvous, il mio primo singolo dell’anno che ha dato il via ad una serie di singoli previsti per questo 2019 e a breve, per il solstizio d’estate, Claudine & Jean-Pierre, una mia composizione per violoncello e pianoforte, in uscita su tutti i digital store.

Ma come nasce Claudine & Jean-Pierre? Da un incontro…

In un lontano giorno del 2015, a casa di alcuni amici, ho avuto il piacere di conoscere una giovane coppia francese. Jean-Pierre, cantante e chitarrista, e Claudine, compagna di vita e di avventura, amante della sua musica e della sua arte. Ci siamo musicalmente ascoltati, scambiati i nostri CD, le nostre opinioni, la nostra storia… la nostra musica. È subito nata una simpatia ed un’affinità musicale e per caso mi sono ritrovata ad accompagnare Jean-Pierre in un fuori programma alla fine di un suo concerto, eravamo al Circolo della Vela di Bari. Dall’emozione di quel momento è nato Claudine & Jean-Pierre… dedicato a loro!

Il tema, come spesso mi accade, è nato spontaneamente pensando più allo spirito parigino che a Parigi in se, sebbene Parigi è una città che possiede un fascino unico, capace di trasmettere forti emozioni. Per rendere a pieno il romanticismo che Parigi racchiude, quale strumento migliore del violoncello avrei potuto scegliere per affiancare il mio amatissimo pianoforte? Così ho scelto le mani, il pensiero, il cuore ed il violoncello di Claudio Mastrangelo, musicista davvero simpatico ed eclettico. Suonare con lui è stato speciale, intenso e particolarmente divertente, sia in studio da Luigi Patruno presso Crescendo AudioRegistrazione che al mitico Caffè D’Arte di Bari, luogo di grandi incontri a cui sono affezionatissima e che da anni mi accompagna e mi sostiene nelle tappe importanti e fortunate della mia vita, una fra tutte Luci e ombre, presente nel mio 2º CD Fluide Risonanze ed eseguito recentemente al Schloß Schönbrunn di Vienna, è nato qui, proprio in questo caffè, proprio su quel pianoforte, brano fortemente voluto dal mio amico e architetto Antonio Nobile per la presentazione del libro “Come piante tra i sassi” di Mariolina Venezia.

Anche questa volta la regia e le riprese del mio videoclip le ho affidate all’intuizione e la professionalità di Alma Films nella persona di Romualdo Pecorella, del montaggio video se ne è occupata Giulia De Feo, giovane e promettente artista del montaggio e per aggiungere ancor più valore a questa  p i c c o l a  opera d’arte, non potevamo che avvalerci di un’altra location davvero unica e d’eccezione… la meravigliosa capitale Francese, P A R I S ! ! !

Ed ora che tutto ha preso forma non vedo l’ora che arrivi il fatidico 21 giugno per poter finalmente condividere con tutti voi Claudine & Jean-Pierre, il mio secondo singolo del 2019 e lasciarvi con un interrogativo… quale sarà il terzo singolo previsto per quest’anno?!?

 

Obiettivo 2019!!!

 

Come molti di voi sapranno il 2018 è stato un anno ricco di eventi e premi importanti per me e per la mia musica: l’uscita del mio 3° CD Lo Specchio per pianoforte solo (prodotto da Believe Digital), la mia partecipazione alla XV edizione del Festival Argojazz, nel quale mi è stato conferito il Premio Argojazz 2018 come Miglior Lavoro Musicale, e alla XXIII edizione del Festival Time Zones… questo e tanto altro è accaduto nel 2018! 

Ma questo 2019? Che ne sarà di questo 2019?

Direi che è iniziato piuttosto bene! Sono tra i premiati della Fondazione Estro Musicale (Milano) con la mia composizione per pianoforte solo "La Besana”

Questo è quello che io chiamo il mio percorso ordinario. Sono abituata a mostrarmi e a farmi conoscere e riconoscere sempre sotto la stessa veste di  p i a n i s t a    c o m p o s i t r i c e  mantenendo su per giù lo stesso stile di sempre. Ok! Ma io chi sono veramente? 

Da sempre scrivo musica a 360°. Sono dell’idea che la musica può svolgere mille funzioni: divertire, consolare, far riflettere, renderci tristi o allegri ed è proprio per questo che prenderò la mia musica di qualunque genere e stile e le darò forma. Molto spesso si è troppo concentrati sul tecnicismo e, nella scelta del prodotto da proporre al mercato, ci si preoccupa di piacere al proprio segmento di riferimento. Ma siamo tanti al mondo e non dobbiamo necessariamente piacere a tutti... dobbiamo essere solo e soltanto noi stessi ed il resto lo farà la vita come ha già fatto per tutti noi fino ad ora! 

Questo 2019 voglio uscire dagli schemi e mostrare tanto altro di me. 

Così ho programmato l’uscita di 4 singoli e videoclip per festeggiare l’arrivo di ogni stagione. Ho pensato a 4 brani totalmente differenti tra loro per genere, stile e carattere, che non sono stati scritti di proposito ma che sono già stati composti ed arrangiati in precedenza e scelti per l’occasione. Non solo!!! Non posso svelare tutto ma ciascun brano riserverà una sorpresa speciale per tutti voi. Viaggeremo insieme. Dove… non è dato saperlo!

Sì! perché ciascuno di questi brani ritrae un paesaggio o una località e questo 2019 mi piacerebbe viaggiare con voi! Perciò… Allacciate le cinture… S i  p a r t e ! ! !

 

UNA QUESTIONE DI SCELTE…

Siamo chiamati giorno dopo giorno, istante dopo istante a fare delle scelte, vicine o lontane da noi e non sempre si ha il tempo di pensare, sapere e capire se siano giuste o sbagliate… il tempo scorre e bisogna fare o no una scelta.

In questi giorni ho dovuto fare delle scelte ed in esse hanno giocato numerosi fattori: il tempo a mia disposizione, il numero delle tracce in relazione ad esso e la tensione che una registrazione in studio porta con se; oltre al fatto che può capitare di capovolgere decisioni prese in favore di nuove perché non sempre si sceglie ciò che si vuole ma ciò che si può e si deve rispetto a fatti e circostanze che si possono presentare ed ogni esecuzione è solo e soltanto la fotografia di un momento. 

Tra l’altro per me il concetto di suono legato al gusto e al tatto è un fatto del tutto soggettivo poiché reputo la musica ed il suono qualcosa di strettamente personale.

Il tutto è avvenuto presso Officina Musicale di Francesco Saponari, Giuseppe Mariani, Giuseppe Saponari a Castellana Grotte.

È qui che il mio terzo CD ha preso forma grazie a Believe Digital Italia, alla professionalità di Giuseppe Mariani (fonico) ed al meraviglioso Steinway & Sons model D del 1917 di Farina Pianoforti (Ostuni); un lavoro completamente nuovo per Piano Solo che sono orgogliosa di aver dato alla luce perché ricco di tante sfumature legate agli stati d’animo più disparati che spesso mi piace combinare insieme come fossero una tavolozza di mille colori differenti.

Lo strumento è il mezzo con il quale la musica riflette lo stato d’animo dell’esecutore. 

Suonare uno strumento così antico e prezioso come lo Steinway & Sons model D ricco di tanta storia, anche in RAI, è stata  u n a   e m o z i o n e   i n c r e d i b i l e . Basti pensare al fatto che calca i più grandi palcoscenici del mondo ed è scelto della stragrande maggioranza dei più grandi pianisti a livello mondiale (Arturo Benedetti Michelangeli, Martha Argerich, Daniel Barenboim e molti altri ancora)

Mitsuki Uchida (artista Steinway) scrive: ”Quando inizi a suonare uno Steinway D, la tua musica cambia. Ti fa entrare in un mondo nuovo. Possederne uno è un vero privilegio.”

Posso dire di aver trascorso una settimana all’insegna del  s u r r e a l e  inteso come intensità e vastità della bellezza e della purezza del suono.

Con uno strumento del genere tutto è possibile, eppure, delle scelte metriche e timbriche sono state fatte… perché, come la vita, anche la musica è una questione di scelte! 

 

Il sogno…

Ci vendono i sogni come qualcosa di astratto... in realtà il sogno è già qui e ora!  Fare quello che ci piace è già cavalcare il sogno… un passo dopo l’altro ed ecco che il sogno si materializza!

In questi lunghi mesi mi sono sempre chiesta se ce l’avrei fatta ma non importava saperlo veramente… era bello crederci lì per lì, in ogni istante, battito, palpito… respirare per quell’obiettivo e vivere il sogno che una volta raggiunto si sarebbe trasformato in uno step ormai raggiunto, verso un nuovo obiettivo… una nuova realtà verso un nuovo sogno…

È incredibile come una telefonata può cambiarti la vita, l’umore, la giornata… nel bene e nel male!

Era la seconda volta che accadeva… la prima, per un primo premio assoluto di un concorso di composizione ed ora… il Web Talent V.I.T.A.!!!

Non riuscivo a crederci, eppure, durante tutti questi mesi non avevo fatto altro che sognarlo ad occhi aperti e credere con tutta me stessa che sarebbe potuto accadere!!!

È proprio vero... i sogni si materializzano e tutto è possibile a chi crede!

L’emozione nel ricevere quella telefonata è stata così forte da contrarre improvvisamente dentro tutta l’emozione. Fin dal primo istante avevo percepito ed intuito ma sono stata in silenzio ad ascoltare, titubante e certa allo stesso tempo che tutto sarebbe andato bene… un po’ perché me lo sentivo e un po’ perché avevo la certezza del sostegno di molti di voi!

Non so realmente cosa sia cambiato dopo quella telefonata, devo ancora scoprirlo, ma so che se davvero vuoi qualcosa, trovi il modo di prendertela!

Riflettendoci bene, inizialmente chiunque mi avrebbe dato per spacciata… la mia musica era semplice e priva di fronzoli, era una musica che non aveva pretesa alcuna se non la volontà di parlare al cuore; tra l’altro era solo strumentale, non una parola, in un contesto pieno di artisti validissimi che avrebbero potuto essere nuove stelle del pop, rock e della musica che oggi si ascolta… “ai ragazzi piacciono le canzoni da cantare a squarciagola in macchina, da soli o con gli amici, con lo stereo a palla” (come recitava il commento di una fan, ovviamente non mia). 

Col senno di poi, a pensarci bene, avrei potuto scoraggiarmi da sola… le mie non erano  c a n z o n i .  Eppure ho voluto crederci ed ora sono qui a godere con voi della vittoria!!!

È arrivata, contrariamente ai commenti di chi diceva che in Italia non c'è spazio per me e per la mia musica, che col mio genere non ero adatta a questo Talent... G R A Z I E  Believe Digital Italia per aver dimostrato che volere è potere e che nella vita, come nella musica, non ci sono limiti... i limiti sono solo nella nostra mente…