Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Newsletter

Name:
Email:

Everything is possibile

“Se Puoi Sognarlo, Puoi Farlo!” Walt Disney

Ciò che la mente crede possibile, lo è. Tutto e il contrario di tutto. Da un istante all’altro, tutto può cambiare e tutto è possibile. Dipende solo da noi e dalla nostra mente. Dalle convinzioni che in essa abitano. Perché si, sono le convinzioni che determinano le condizioni e non viceversa.

La mente ha il potere di generare qualsiasi cosa. Che tu ci creda o no, laddove dirigi il tuo pensiero, lì crei la tua realtà. Tutto ciò che realizziamo e materializziamo fuori, non è che il riflesso di ciò che abbiamo dentro.

Costruiamo giorno dopo giorno il nostro futuro attraverso le nostre scelte e i nostri pensieri. Siamo noi a decidere chi, cosa e come essere in questo mondo, in base all’immagine e alla considerazione che abbiamo di noi stessi. È il potere dell’immaginazione che ci rende ciò che siamo ed è esso che dobbiamo coltivare e sviluppare per essere credibili e accreditarci in questo mondo. Non possiamo lasciare agli altri il diritto di decretare chi e cosa essere. Noi e solo noi siamo responsabili di noi stessi ed abbiamo un dovere nei nostri confronti. Quello che gli altri pensano di noi non deve riguardarci. Ascoltare tutti per seguire e perseguire il proprio ideale. Perché la meta di ciascuno è diversa e solo noi possiamo sapere ciò che è meglio per noi stessi. 

Nell'ottobre 2020 ho registrato il mio quinto album Riflessi, quattordici composizioni per pianoforte solo (e non solo) che sarò felice di presentarvi nel corso di questo 2021 e del quale avete già potuto apprezzare Come Neve. Riflessi è il mio quinto album e come tutti i precedenti è il frutto di una visione. Come ho scritto nel precedente blog, sono una fervente sostenitrice dell’aspetto evocativo della musica e spesso per evocare qualcosa o qualcuno bisogna essere un po’ visionari. Io lo sono e mi piace esserlo, nell’atto del comporre e non solo. Ogni album, come ogni singolo brano, è frutto di una visione, tangibile o effimera, perché non si può materializzare nulla, senza averlo prima desiderato! ;)